Metodo

Zupit ha dedicato e dedica molte energie per trovare un metodo di lavoro che unisce innovazione, efficienza e servizio al cliente.

Lean

Il pensiero Lean è nato nella grande industria giapponese con l'obiettivo di ridurre sprechi e inefficienze e di rimuovere dal processo produttivo tutto quello che non aggiunge "valore" al prodotto.
Nel mondo del software, Lean significa concentrare le forze su ciò che è veramente importante per il business dei propri clienti.

Agile

In un contesto multi-cliente e multi-progetto cerchiamo di rispettare i valori ed i principi del manifesto Agile adottando in ogni situazione le pratiche più adatte al contesto in cui ci troviamo a lavorare.
Per questo siamo in grado di lavorare con le metodologie XP, Scrum e Kanban scegliendo, per ogni situazione, quella che può portare più valore al cliente.

Continuous improvement

Migliorare per noi vuol dire introdurre periodicamente un piccolo cambiamento di buon senso e di valutarne nel tempo l'efficacia con misurazioni più oggettive possibili.
E' un processo lento e ostinato che comporta anche delle sconfitte e dei passi indietro ma più che mai necessario, se si vuole fare innovazione in un settore ultradinamico come il mondo del software.

Retrospective

La retrospective è una delle riunioni periodiche del mondo agile; i team degli sviluppatori si ritrovano e analizzano cosa ha funzionato bene e cosa non ha funzionato nei cicli di lavoro precedenti.
Alla fine della riunione emergono delle azioni concrete con le quali si punta a migliorare il metodo di lavoro.

Il nostro processo di sviluppo

Dal primo contatto fino alla consegna del prodotto ci sono diverse fasi, ma non esiste uno schema adatto ad ogni progetto e ad ogni cliente.
Per Zupit tailor-made non è solo il prodotto, ma anche il processo di collaborazione tramite cui si arriva al risultato finale.

  1. Primo contatto

    • Caffè
    • Raccolta requisiti
    • Definizione macro-obiettivi
    • Valutazione delle competenze necessarie
    • Proposta di una roadmap
  2. Preparazione

    • Analisi dei processi
    • Stime e priorità
    • Milestones e definizione delle metriche
    • Definizione team di lavoro
  3. Setup

    • Ambiente di sviluppo
    • Design e interfacce utente
    • Analisi del processo
    • Priorità e stime
    • Milestones e definizione metriche
  4. Produzione

    • Selezione features inizio iterazione
    • Analisi e sviluppo
    • Test automatici e test funzionali
    • Approvazione del cliente
    • Definizione priorità sviluppo
  5. Mantenimento

    • Monitoraggio traffico - errori - sicurezza
    • Bugfix - aggiornamenti di sistema
    • Verifica dimensionamento risorse
    • Proposte evolutive

Organizzazione di Zupit

La produzione di Zupit è organizzata in team di 5 persone; ogni team ha un product owner che segue l'avanzamento dei progetti e fa da tramite tra il cliente e i developer e insieme al gruppo cerca di tradurre i processi aziendali in requisiti per un nuovo software.
Il resto della squadra è formato da sviluppatori esperti e affiatati che collaborano per raggiungere gli obiettivi di produzione prefissati.
In Zupit le gerarchie sono ridotte al minimo e il focus principale è sempre sulla qualità del software e sul valore prodotto.

Il tempo in Zupit

In Zupit pensiamo che non ci sia un rapporto stretto tra la quantità di tempo che uno sviluppatore passa in ufficio e la qualità del software prodotto. Anzi siamo convinti che i fattori che incidono di più sulla qualità del software siano altri come: la comprensione profonda dei processi, l'utilizzo degli strumenti giusti, il dialogo con il cliente e un solido lavoro di squadra.
Per questo da noi ogni sviluppatore scrive software per circa 30 ore alla settimana.
Cosa facciamo il resto del tempo? Formazione, divertimento, side-projects... Più in generale cerchiamo di crescere divertendoci.

Formula commerciale basata sul valore

Zupit crede nella collaborazione e in un rapporto di partnership con il cliente basato sul valore prodotto. Questa modalità però non è adatta a tutti progetti e a tutti i tipi di cliente. Nei progetti brevi, nelle fasi iniziali di un rapporto o quando il cliente vuole mantenere rapporti commerciali più tradizionali, Zupit offre proposte partendo da una delle seguenti modalità commerciali:

Agile basato sul valore

Con questa formula Zupit collabora direttamente col cliente per dividere il progetto in piccole parti chiamate "storie".
Alle storie viene assegnato un peso in "punti", Zupit procede a sviluppare le varie parti secondo la priorità concordata. Quando il cliente vede la "storia" realizzata e la approva Zupit procederà con la fatturazione.

Time material

Ci sono situazioni in cui per il cliente è preferibile rivolgersi ai professionisti per chiedere aiuto nel risolvere un problema contingente piuttosto che costruire un progetto, in questi casi si applica la formula "Time material", dove Zupit addebita al cliente un corrispettivo per il tempo dedicato dagli esperti per la soluzione del problema.

FTE Team

In altre situazioni un'azienda ha bisogno di un apporto continuativo di lavoro senza sapere dal principio su quali particolari attività dirigere le forze. La formula che meglio si adatta a questo tipo di forniture è quella del FTE (Full Time Equivalent). Quindi Zupit mette a disposizione un team con competenze e dimensioni adatte al tipo di progetto che deve essere realizzato.

A corpo

Se il cliente ha un'esigenza precisa e si trova il modo di circoscriverla dettagliatamente, è possibile realizzare un preventivo "a corpo", ovvero che comprende tutte le attività di Zupit, all'interno di un budget predeterminato, così come accade in molti altri settori.